Proiezioni di genere

24Lug12

Immagine

Fabriano – dal 3 al 26 agosto 2012

Luigi Russo Papotto – Proiezioni di genere

testo critico di Carmela Infarinato

Rassegna: Nella Terra di Mannucci

Organizzazione: Associazione InArte Fabriano

Museo Mannucci
Via del Poio, 18
60044 Fabriano (AN)

Vernissage: 3 agosto 2012, ore 18.00

Orario: giovedì – domenica 18.00/20.00

L’artista Luigi Russo Papotto espone, al Museo Mannucci di Fabriano, all’interno della rassegna Nella terra di Mannucci, dedicata a Edgardo Mannucci, una serie di sculture che affrontano il tema del doppio e della metamorfosi, attraverso un’analisi formale ed evocativa del mito di Ermafrodito.

La mostra, dal titolo Luigi Russo Papotto. Proiezioni di genere, fa parte di un progetto di cinque mostre monografiche, nell’ambito della manifestazione “Festando 2012”, dedicate a cinque scultori italiani che utilizzano il ferro come materiale privilegiato d’espressione, in rapporto allo studio di concetti spaziali e temporali, allo sviluppo di una socialità, di una coscienza e consapevolezza di idee libere e democratiche.

© studiolaboratorio

PROIEZIONI DI GENERE

di Carmela Infarinato

Il percorso tracciato con di-segni precari o con l’aspirazione al recupero di una comunicazione trascendente attraverso l’offerta degli alberi che hanno perso il legame con la terra (che custodisce ceneri) o che si ergono sospesi e silenti alla ricerca di un collegamento deifico,

continua

attraverso la proposizione di sottili fili di ferro che trovano composizione e senso  di genere in una teoria di forme che spinti da un’ eterna inclinazione combinano l’essere. Il maschile si definisce in contrapposizione al femminile, il femminile esiste in relazione al maschile: il terzo genere, come  indica  Platone nei Dialoghi, combina gli attributi e determina l’unità… L’immagine, negli affastellamenti di gambe e di braccia e di teste, sicuramente non soddisfa l’idea della giustapposizione e dell’armonia. L’estetica esige i suoi tributi  e si offre, coinvolgente e salvifico, il mito di una naiade acquatica che aspira alla bellezza e rinuncia alla vita stessa per essere tutt’uno con la bellezza; l’attrazione  e il rifiuto, la passione e lo sdegno, la pulsione e l’assenza,……….su tutto la preghiera e la volontà degli dei e

sia l’identità.

Ciò che si oppone converge, e la più bella delle trame si forma dai divergenti; e tutte le cose sorgono dalla contesa. E dentro di noi è presente un’identica cosa: vivente e morto, e lo sveglio e il dormiente, e giovane e vecchio: di fatto queste cose, una volta rovesciate, sono quelle, e quelle dal canto loro, una volta rovesciate, sono queste.” ( Eraclito  Frammenti 14 [A 5.115] )

LINKS

Luigi Russo Papotto

Terriculum liminis custos

DE-FORME

Cinerea res

Papotto segue Papotto

Catalogo – Settegiorni Editore

Bitumi – Ossimori

Catalogo – Settegiorni Editore

Annunci


One Response to “Proiezioni di genere”


  1. 1 Luigi Russo Papotto. La Materia, la Forma, La Memoria. | Giuseppe Carrubba

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: